News da Bahia

bahia2bAprile, tempo di Quaresima 2020

 

GESÙ CONFIDO IN TE
Missione di Bahia, Brasile

Mercoledí 18 marzo é incominciata la quarantena perchè, anche in questa terra, si é sviluppata la pandemia del Coronavirus, con molti casi in São Paulo, Salvador e alcuni sporadici nelle cittadine vicino a noi. Grazie anche al vostro aiuto, abbiamo fatto subito nostre le norme di igiene e le cautele da prendere, e le abbiamo spiegate anche ai nostri adolescenti. Fin dall´inizio abbiamo cercato di rispettare i consigli che provenivano anche da altre fonti per conoscere piú a fondo la prevenzione.

La vita della missione non é molto cambiata, trascorre tra lavori, giochi e preghiera. Dopo i primi gioni di adattamento, perché non si accettava tanto l'idea di dover rimanere a casa da scuola, pian pianino con speranza e umorismo, abbiamo accettato la nuova vita, impegnandoci, a piccoli gruppi, nelle pulizie, in lavanderia, in “padaria” per fare il pane per tutti, in “quejaria” per fare il formaggio, nell´orto per coltivare le verdure, nella stalla per mungere il latte per la colazione e in cucina in cui due adolescenti e una zia preparano i pasti per tutti, in assenza della cuoca che rimane nella sua casa in quarantena anche lei.

Ci piange il cuore, perché qui i poveri sono veramente poveri e se non lavorano, non hanno piú soldi neanche per comprare gli alimenti. Nelle favelas la situazione é ancora piú grave, sono sprovvisti di tutto, cosí il governo manda camion di frutta, verdura, riso, fagioli ecc. Speriamo che questi aiuti possano continuare, la situazione diverrá  veramente critica. La Sanitá non é attrezzata, i respiratori non sono sufficienti e neppure gli ospedali, il personale medico prova ad aiutare la gente, mandando informazioni e video che insegnano a fare esercizi respiratori per fortificare i polmoni e curarsi in casa.

È confortante come nessuno si lasci prendere dalla tristezza e vedere tutti questi piccoli gruppetti lavorare insieme, in armonia, come delle "previdenti formichine", intente a preparare ricotta e formaggette, impastare il pane con il sorriso, lavorare con la zappe nell´orto o in giardino, cantando o conversando e ogni tanto alzare gli occhi al cielo e pregare con il cuore un'Ave Maria.

Per stare vicino a tutta l´umanitá, alle nostre famiglie e agli amici in questo momento di grande sofferenza, a due a due, andiamo in Cappella per una preghiera personale di adorazione davanti a Gesú Eucarestia. Con Lui la sofferenza e la paura di questo periodo veramente particolare si calmano e si riversano nel Cuore Sacratissimo di Gesú e nel Cuore Immacolato di Maria; certi che loro ascolteranno le nostre suppliche e ci proteggeranno. È commovente come anche i nostri bambini e adolescenti, anche loro a due a due, vadano a visitare Gesú in cappella e davanti al Santissimo si fermino a pregare da quindici minuti a mezz´ora, adorando, chiedendo intercessione, scrivendo lettere, disegnando e riponendo il tutto in un piccolo cestino davanti all´Altare.

Ultimamente, per rispettare le norme di igiene, le adorazioni e i momenti di preghiera sono allestiti nel grande refettorio dell'ala femminile della missione, perché è all´aperto ed è molto più spazioso della cappella. Le Preghiere di invocazione allo Spirito Santo, di richiesta di perdono, di supplica e di ringraziamento, sono intercalate da bei canti e da video che ci aiutano a vivere bene la preghiera. Essendo in Quaresima, abbiamo visto un tratto della Passione di Gesú e poi, bellissime immagini di Maria che ci danno tanta forza, coraggio e pace nel cuore.

Adesso, con internet, arrivano anche i compiti e le lezioni, cosí noi sorelle, sempre a piccoli gruppetti, aiutiamo i ragazzi nelle attivitá scolastiche. In una condivisione all´aperto sono emerse alcune loro riflessioni in cui ci hanno rivelato come questo periodo di isolamento dal mondo porti piú unione, piú dialogo, piú amicizia e piú preghiera e, a volte, anche le controversie ci aiutano a conoscerci meglio!

bahia1Spesso pensiamo alla tristezza di chi vive questo periodo in un piccolo appartamento, come succede qui nelle case povere o addirittura in una piccola stanza... Qui lo spazio é grandissimo: abbiamo un parco per i giochi e il campo da volley, un grandissimo campo da footbol e una grande ‘quadra’, da usare quando il tempo è brutto! In realtà, qui il sole c'é quasi sempre, con un cielo così azzurro che ti sembra di essere in Paradiso! Le nostre case sono circondate da un ampio giardino con grandi alberi da cocco e di jacca dai frutti giganteschi.

In questo spazio tra il verde e il canto degli uccelli che ti svegliano al mattino é difficile che ti venga la depressione e in piú, spesso, si sente anche una voce che canta o un'allegra risata!

Come in tutte le parti del mondo anche qui non viene celebrata la Santa Messa e noi facciamo economia delle Particole Consacrate da Padre Massimo, quando é stato qui, per conservarle per le domeniche e per la Santa Pasqua! Questo ci rende un po´tristi, ma ringraziamo la Comunitá che ci dá la possibilitá di partecipare alla Santa Messa in diretta e di ricevere la Comunione Spirituale, con Padre Stefano e con le Sorelle.

Comunque tra noi adulti c'é tanta armonia, unione e amicizia, anche se il cuore soffre per l'Italia e per tutti i paesi che vivono questa terribile pandemia! Ci facciamo forza, e si respira tanta speranza confidando in Colui che ci dá la forza, rifugiandoci nelle braccia di Maria, nostra tenera Madre, che pensa e protegge tutta l' Umanitá.

Un abbraccio dalla famiglia cenacolina della Bahia!