Uniti al cuore di Papa Francesco

 

papaBANNER2

 

Come Comunità Cenacolo desideriamo stringerci al cuore del Santo Padre, il Papa Francesco, e fare nostra la Sua richiesta di recitare ogni giorno, in questo mese di ottobre, il Santo Rosario secondo le intenzioni da Lui indicate (vedi l’invito del Papa alla preghiera pubblicato dalla Sala Stampa vaticana il 29 settembre), concludendo la recita con l’invocazione alla Madonna (Sub Tuum Praesidium…Sotto la Tua protezione…) e con la preghiera a San Michele Arcangelo (preghiere che trovate cliccando qui).

La preghiera del Santo Rosario “ritma” il vissuto quotidiano delle nostre Comunità, e abbiamo deciso di recitare in tutte le nostre case e missioni sparse nel mondo il Rosario serale, al termine della giornata, per il Santo Padre e per le Sue intenzioni.

Invitiamo tutti voi della “grande famiglia” della Comunità Cenacolo, Gruppi Genitori, Gruppi di Preghiera, amici, giovani, famiglie, anziani, malati… a unirvi a noi per formare una grande catena di preghiera che sostenga la missione del Santo Padre e della Chiesa.

Ringraziamo Papa Francesco per aver chiesto al Popolo di Dio l’aiuto della preghiera e particolarmente del Santo Rosario, e siamo ben felici di unire le nostre voci e i nostri cuori a tutti coloro che accoglieranno il Suo invito a rivolgersi alla Beata Vergine Maria perché protegga sotto il Suo manto la Santa Chiesa di Dio.

Grazie Santo Padre, siamo uniti al Suo cuore. Le vogliamo bene e siamo con Lei!

                                                                       Madre Elvira e tutta la Comunità Cenacolo

 

Comunicato della Sala Stampa della Santa Sede del 29.09.2018

Prega il Rosario con noi...

L'invocazione alla Madonna "Sub Tuum Praesidium"


“Sub tuum praesídium confúgimus,
sancta Dei Génetrix;
nostras deprecatiónes ne despícias in necessitátibus,
sed a perículis cunctis líbera nos semper,
Virgo gloriósa et benedícta”.

[Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o vergine gloriosa e benedetta.]

Preghiera a San Michele Arcangelo scritta da Leone XIII

“Sancte Míchael Archángele, defénde nos in próelio;
contra nequítiam et insídias diáboli esto praesídium.
Imperet illi Deus, súpplices deprecámur,
tuque, Prínceps milítiae caeléstis,
Sátanam aliósque spíritus malígnos,
qui ad perditiónem animárum pervagántur in mundo,
divína virtúte, in inférnum detrúde. Amen”.

[San Michele Arcangelo, difendici nella lotta, sii nostro presidio contro le malvagità e le insidie del demonio. Capo supremo delle milizie celesti, fa’ sprofondare nell’inferno, con la forza di Dio, Satana e gli altri spiriti maligni che vagano per il mondo per la perdizione delle anime. Amen.]